America First o America With?

Siamo a poche ore dal risultato elettorale delle Presidenziali USA 2020 e all’ormai molto probabile proclamazione di Joe Biden come vincitore.

Ma il vero perdente non è Trump ma l’immagine di quello che un tempo era il paese modello a cui tutto il mondo capitalista anelava.

Non erano agli occhi di tutti, gli Stati Uniti, la terra della seconda opportunità, del famoso sogno da realizzare?

Image for post
Image for post
Photo by adrian on Unsplash

“Gli Stati Uniti sono il Paese del terzo mondo più ricco e potete del pianeta’. Pensavo fosse un gioco radical, ma è così” dice Roberto Saviano che li conosce abbastanza bene.

Il mito del benessere a tutti i costi non regge se non supportato da una crescita culturale diffusa.

Senza cultura non c’è senso critico e senza di esso non c’è democrazia.

Sembra che il paese non sia mai uscito dalla Guerra d’Indipendenza, che non abbia mai superato le divisioni razziali e che il Klu Klux Klan non si sia mai estinto.

Mentre vedevamo i grattacieli di New York svettare verso il cielo, la gran parte del paese sprofondava nel baratro.

Con la sconfitta di Trump non morirà il Trumpismo. Noi italiani dovremmo saperlo bene, no?

Biden dovrà fare un lavoro certosino di ricucitura in una società ormai polarizzata, dove una parte è contro l’altra ed è pronta a fare guerra.

Sarà un lavoro lungo, considerando che c’è di mezzo il CoVid e una posizione in politica estera del tutto nuova.

Image for post
Image for post
Photo by Anthony Garand on Unsplash

Non più America FIRST, ma America WITH.

E’ una grande sfida, ma anche la grande opportunità per poter diventare un paese nuovo.

Carlo Loiudice

www.carloloiudice.com

Written by

Attore, public speaking e life coach certificato di base a Berlino dal 2011

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store